Enrico Dandolo - Cronica di Venexia (1360)

1
In nome de Dio, del nostro Signor miser Iexu XPO e del glorioxo
apostolo miser sen Marco et de tutti i santi de Dio. Questa si è la cronica
di Venexia et de tucto el scito che è tra Grado et Cavarçere, le
qual tucte contrade si apella il distreto antigo et proprio de Venexia,
como è Grado, Cavorle, Lido de Sen Nicholò, Malamocco, Torcelo,
Buran de mar, Magiorbo, Muran, Chioza, Loredo, Rivoalto, del qual
è nomenada la nobelle citade de Venexia sicomo indicio primo de
quella.
La qual cronica partiremo per gli anni del nostro Signor miser Iesu
XPO; primeramente como la fo hedifficada, la cagion et el modo,
possa li doxi tucti che eno stadi, el tempo che àno ducado et le ovre
laldevelle ch' eno socto quelli facte, faremo sumaria mencione. Inperquello
che io Hendrigo proponandomi in cor di quelli
tractar agli fucturi, ò trovado notevelle et grande cosse per loro facte.
Per la qual cossa, extraendo questa cronica de più croniche et istorie
antige, scripte per nostri boni et veraxi antixi, et aldidi eciando multi
in senetute narar di quelli homini degni di fede, ho facto como colui
che vuol far hedifficio, che primeramente à pariado li menbri di quello,
possa lo mete adinsenbre.
Et Dio omnipotente, da cui tucti doni discende et sença lui alcuna
cossa non si pò far, sì me dia gracia che segondo l' intelecto mio quella
possa adur ad effecto, acioché a tuti quelli che dapoi mi discenderà, sia
noto et manifesto i tempi felice et adversi agli abitanti de Venexia
stadi. Sì che ligiando le guere molte che li nostri primi hano habude
et non sença grande cagion tolte et dano gravissimo, più volte, in haver
et in persone; non si debia intremeter ad tuor quelle per alcun
tempo che vignerà avanti, [ siando] meio a tuti remaner cum piçol
dano, che guastarssi lo stado loro, volendo signoriçar molte contrade.
In però che li nostri antixi che al presente sono, dimandanduli, dixeno
lo effecto dele guere tucte che in suo tempo sun stade, esser stado vano
et de grande disfacion de homini et perdicion de moneda; et io che
al mio tempo ciò vidi, testimoniança veraxe de ciò posso mostrar.
Et verissimamente el stado buono de la cità de Venexia non è
solo agli habitanti di quella ma a tuta Cristentade è molto utele, como
ad tucti è manifesto. Et la paxe et tranquilitade per essa più fa ad sua
exaltation et acressimento, cha per alguna altra citade del mundo,
che si sapia.
Et Dio per la soa misericordia et divina gracia illustre le mente
sì de çascuno doxe, cavo et rector di quella et di çascuno altro che
per lo tempo fucturo reçerà presso di loro, ch' el stado suo, lo qual
sempre ha multiplicado, benché agli ochi nostri molte adversitade
apare et à paruto in minuxion di quella, possa ampliar per sì facto
modo che le ovre manifeste di loro et de tuti li altri si possano giudegar
esser cagion et indicio da Dio promeso et donado. Et che alcuna
division o rio pensamento nel cuor dei çidadini di quella non posano
gienerar, non façando contra quelli quelo che [non] deno far ,
ma tractando loro segondo lo suo stado equalmente, sì che dentro al cor
di çascuno entri dilection, amor et stado de la sua citade et di ciascuno
regidor di quella.
Intendando che çaschuna cosa che per mi fose lasada overo ignorada,
ad quelli laso che la legierà che corigia, tuta fiada con bon pensamento
et cum evidentia chiara de quello che agiungesse overo tramutasse.
Imperquello che non sença grande fadiga tute quelle cosse
che per mi de qui in avanti si scriverà, ho translatade et l' una con
l' altra cronica molto ho provade. Ancora pregando alcun in chi poi
mi questa cronica in mano pervignerà, che se homo el serà da proseguir
lo dicto stilo per mi cominciado et a meço adodo , overo da più,
che gli piaqua per lo muodo simelle continuar, acioché perpetualmente
si vegia et sapia i doxi et stadi de Venesia, como citade degna
sovra ognuna che ancor si sapia. Et de ogni altra cronica antiga, che
per i pasadi tempi simplicemente trovade avemo scripte, le quale a
man gli venesse, tener quel modo ch' io ò tegnudo dapoi conplida
questa, le qual tute ò arse, acioché quele vegnando ad man de letori,
fastidio over incredulitade non produsese.
Segundo como nara et dise gli maor nostri antigi, el è stado due
Venexie: la prima si fo quella dela qual si ragiona in le istorie antige,
dela quale fu so principio Antenor. Et questo fu poco dapoi la destrucion
de la gran Troia, la qual destrucion fu poi la creacion del mundo anni
quatromila duciento et sei. Et questa cotal provincia
ebbe suo inicio dale confine de Panonia, descendandossi infino
lidi et fiumi, e dura infina l' Ada, che è intra Brissa et Milan. Et in cavo
de questa provincia era la cità grande de Aquilegia, nela quale el biado
evangelista miser sen Marco, illuminado dala divina gracia, predicò
el nome de IHU XPO, intanto che tuti de quela provincia et citade riduse
ala nostra fede. Et de là, per mandamento de miser sen Piero apostolo,
suo maistro, andò a Roma et poi in Alexandria, dove ricevè passion
di morte, per la qual el aquistò sublime seggio in cielo. Dapoi la soa
passion non multo tempo, fu la hedifficacion di questa Venexia che
anchoi si vede si vede portar quelli che di lui et di suoi dicono essere
discexi, ciovè cun quelli zigli tramudadi in campo lagiuro et bianco.
Et questo fu imperquelloché in la dicta oste,
l' arma del marchese de Monferà quasi dela sua non vegniva cognosiuda
per esser simel, perché el portava el bianco de sota, el vermiglio
di sovra, et non v' era altra differencia. Et cum quella vene a Venesia
cum gram triunpho, et cum quella riverentia et lectitia che fu degno,
fu recevudo cum tucta l' armada.
Et per questo muodo la citade de Venesia fu molto exaltada de
honor, fama et gran valor, con çiò fusse che dominasse l' Imperio
de Romania , el qual per anni LIIII, mesi VIIII tene mandando continuo
in quello capetaneo et podestà, soto l' imperador dicto, bemché
Venesiani dela parte de Venesiani de niente l' imperador se impazava, se non
in quanto plaxeva a meser lo duxe et Venesiani.
Compledo el dicto tempo, como per adriedo tractaremo, fu prexo
Costantinopoli cortesemente per Ungari infidelli. 

 

Sacheti e bobine in polietilène


"el Galepin"- Venetian - English - Italian
Venetian language - ID: vec - Code 639-3


Contact:

Messenger